Sono Silvia Pasquetto.

Una donna che fotografa altre donne

Perchè uso la fotografia di nudo come strumento di

crescita personale per le donne che fotografo

L’ho provato su di me

Quando ho preso in mano la macchina fotografica per la prima volta, ciò che mi è venuto più istintivo fare è stato il nudo, in quel caso ero io il soggetto.

So benissimo come ci sente a stare nude di fronte ad un obiettivo. Ho sondato in lungo e largo la potenzialità di connessione che la fotografia di nudo ha verso il mondo interiore.

È espressione artistica

Sono un’artista e sogno un’arte a cui le donne possano facilmente avere accesso emozionandosi con le fotografie che produco di loro.

Io faccio arte humana con la speranza di dare un contributo concreto a rendere questo mondo un posto migliore, aiutando più donne possibili a perseguire il loro cammino di autodeterminazione e consapevolezza.

È un espediente visivo

Il nudo è la mia modalità comunicativa preferita quando devo portare in immagini l’universo interiore delle donne.

Utilizzo spesso anche il mosso come ulteriore stumento di astrazione e resa in chiave fotografica del mondo interno. Avrai una visione di te che non hai mai avuto in precedenza.

Vuoi essere parte di tutto questo?