Tatiana. Capello lungo come me, che quasi ero io.

Tatiana. Capello lungo come me, che quasi ero io.

Tatiana, quando l’ho incontrata, stava in un momento speciale della sua vita: di svolta, di cambio, piena di quel entusiasmo che ti viene, quando tiri giù la tovaglia dal tavolo e ricominci daccapo. Era contagiosa la sua energia. Erano tante tra me e lei le sovrapposizioni che a volte ho pensato di essere io nel corpo di un altro.

E poi i suoi capelli lunghi fino al sedere, che ogni volta che guardavo gli scatti in macchina mi sembravo io.

Sono felice perchè un anno dopo, se non erro, ci sono stati altri movimenti e altri cambi nella sua vita (come nella mia del resto)… Perchè la vita va avanti nonostante le nostre resistenze al cambiamento e tutto sommato ha molta più fantasia nel far succedere cose rispetto alla nostra banalissima capacità di immaginazione..

Sotto trovate la sua intervista fotografica e alcune delle sue immagini scattate durante la sessione fotografica insieme.

Ciao! Come ti chiami? Solo nome, volendo puoi anche inventartelo o trovarti un nome d’arte se questo si fa sentire più protetta 😉

Tatiana. Nome vero.😊

Da persona comune, hai scelto di farti fotografare nuda e di partecipare a un progetto che verrà reso pubblico, è una scelta coraggiosa…

Il tuo progetto mi e’ passato davanti in un momento di forte cambiamento e rinascita.

Ero di nuovo io mi riconoscevo e volevo vedermi anche al di fuori.

Io e Silvia eravamo perfette sconosciute ma ho percepito la sua sensibilità e colto fin da subito il senso del progetto e non potevo non farne parte.

Quanti anni hai?

34

Che rapporto hai con il tuo femminile?

Basta una parola: Combattuto.

Che rapporto hai con il tuo corpo? 

Non mi sono mai piaciuta .

Raramente vado in spiaggia perché mi sento fortemente imbarazzata in costume eppure ho deciso di mettermi nuda.

In cosa pensi ti sia servito, se ti è servito, fare queste foto?
Sicuramente a riscoprirmi riconoscermi e accettarmi e anche a comprendere  l’essenza di questo progetto.

Cosa ti ha sorpreso nel farti fotografare nuda?
La spontaneità l’assenza di imbarazzo.

Cosa hai imparato attraverso il farti fotografare nuda?
Quando stai bene con te stessa e sei veramente tu senza condizioni, aspettative, giudizio tutto è fluido spontaneo armonioso.

Ora che è passato del tempo, cosa ti resta nella mente, come ricordo di quell’esperienza?
La luce meravigliosa di quella mattina degli scatti, che è la luce che vede e ha dentro Silvia!!!😉

Cosa provi oggi guardando le foto che ti sono state inviate?

Meraviglia…

Ritrovo quello che solitamente non “vedo”.

Un’altra dimensione di me e di “nudo”.

Grazie Tatiana!

Non tagliarti i capelli eh che sennò sbrocco!

Silvia

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.